Isola di Boavista amore per Bubista

Isola di Boavista amore per Bubista

Isola di Boavista amore per Bubista

Isola di Boavista amore per Bubista
Il titolo, preso da una barca da pesca, è sinonimo di emozione che fa parte di Boa Vista, che possiede la metà delle spiagge di Capo Verde, tutto magnifico. Un’isola fantastica da condividere due – o quattro, come era il caso.
La spiaggia DIANTE. La tavola di legno mostra con orgoglio il nome evidente dalla piccola spiaggia si trova di fronte Sal Rei. Questo dovrebbe essere il luogo più trafficato del paese, forse l’intera isola, ad eccezione del campo di calcio nei giorni delle partite e piccoli villaggi dell’interno quando c’è festa.
 boavista2
Nel tardo pomeriggio, dopo la scuola o il lavoro, la spiaggia e il molo adiacente sono l’immagine della geografia umana di Capo Verde, la cui età media è di circa 23 anni. Giovani e bambini diffondono una contagiosa allegria con i loro giochi, corse, cadendo in acqua e le gare di nuoto di fortuna che non di rado finiscono nelle baci rubati e risatine malevoli condivise da ragazze greggi.
Colori caldi di Capo Verde di fronte l’isola di Boa Vista
Colori caldi di Capo Verde di fronte l’isola di Boa Vista
Al mattino, nello stesso luogo, lo scenario è diverso. Ci sono di solito i primi ad arrivare, avendo la sensazione di inaugurare la sabbia bianca con le nostre impronte. In precedenza, tuttavia, ha lasciato i pescatori nelle loro barche colorate, se benzendo prima di entrare in acqua, ed è venuto con le faccende mattina – sgombri, dentici, cernie – distribuito da bacini venditori di plastica.
Anche se il sole stava già alto per una buona volta saremo noi a godersi la quiete del mare caldo e la bellezza ipnotica della baia paesaggio. Ma che presto raggiungerà il solito branco di ragazzi per portarci giocattoli e bambini, portandoli a innaffiare con gesti attenti e insegnando loro a che fare con i personaggi bizzarri bagnata gocciolante sabbia tra le dita.
 Boavista3
E ‘bello aiutare questi baby-sitter inaspettato in quanto è divertente vedere il nostro biennale Catraio perdono la loro paura di andare in mare per partecipare a un lourita italiano con il doppio degli anni. E ‘la società (e considerato che l’alloggio si trova a pochi metri di distanza) siamo tornati a questo sito in alcun modo il migliore dell’isola.
Lasciate che i fatti: il Boa Vista ha 55 chilometri di spiagge per un totale di 52% delle spiagge dell’arcipelago. Dato che è la distanza di un volo di 15 minuti dall’aeroporto internazionale di Sal, la più turistica delle isole, è sorprendente che a metà giugno potremmo essere in diverse altre spiagge senza vedere anima o, nella migliore delle ipotesi, condividendo la costa con una manciata di viaggiatori.
Un segreto gelosamente custodito, come le prospettive di pubblicità? Non proprio, almeno per gli italiani che scoprirono che (letteralmente, ma già ci sarà) e ora formano la più grande comunità straniera.
 boavista7
Non saremo al culmine della stagione turistica? Forse. E ‘vero che il turismo di massa solo di recente è arrivato sull’isola e braccialetto turisti all-inclusive raramente osano lasciare i confini del resort.
Mari di Capo Verde sono ricche di pesce
Mari di Capo Verde sono ricche di pesce
Prima di continuare a leggere il lettore vorrei chiedere alcune domande. Nella scelta del luogo di villeggiatura si concentra sulla vita notturna a terrazze disposte affiancate e ristoranti aperti tutto il giorno? Buone strade di viaggiare in auto a noleggio? Spiagge con la sorveglianza e le tabelle con i piedi nella sabbia? In questo caso, il Boa Vista non sarà per voi.
 boavista6
Non perché questo è un viaggio “solo per intrepido”, difficile o pericoloso. Al contrario, raramente sentito così sicuro e ha accolto con favore. Tuttavia, diciamo che dà un po ‘di lavoro. Ci sono ristoranti (e bene), ma dove, nella maggior parte, è necessario per prenotare diverse ore di anticipo. Per compensare ci è stato assicurato di tavoli disponibili e preparati al momento alimenti.
Solo per “vedere” in senso culturale, e uno dei meno popolata delle isole di Capo Verde (circa 9.000 abitanti) è anche uno dei più poveri. Se nessuno dei declassa, cerca tranquillità e una destinazione relativamente inesplorato, allora benvenuto per l’isola fantastica, come lo chiamava lo scrittore Germano Almeida in un libro che ritrae il luogo dove è nato e cresciuto.
 boavista4
Boa Vista, nella notte dei Memoria
Se questo testo non è stato avviato come dovrebbe, cioè all’inizio, che era ora di farlo. Sono in aeroporto in attesa per le borse. All’esterno, c’è un pick-up in attesa e ci sarà presto passare attraverso le poche strade di Sal Rei, la capitale, di essere ricevuti da Blue-eyed Cristiano.
La pensione Migrante. L’ho trovato in una di quelle navigazioni felici su Internet che mi ha portato a una conclusione positiva.
Io confermare che la mattina seguente, dopo una notte di riposo e una colazione rigenerante, quando si scrive nel diario di viaggio: «temperatura piacevole. Una leggera brezza attraversa il cortile dove me solo incontro. Chiudo gli occhi e l’unico suono che sento è il ramo della bouganville per sfiorare la parete. Un cane abbaia in lontananza. Un fischio. Di nuovo il silenzio. ” La casa in sé, che è effettivamente un oasi di pace e buon gusto, è strettamente legata alla storia dell’isola.
I turisti su una terrazza Sal Rei
I turisti su una terrazza Sal Rei
Tra le nebbie della memoria e le date si moltiplicano per vari documenti, riferisce alla versione più recente. Dei cinque isole scoperte nel 1460 da Diogo Gomes e Antonio di Noli, navigatore genovese al servizio della corona portoghese, contate fino quello che doveva essere chiamato San Cristoforo, patrono dei marinai nella sua città natale.
Columbus sarà il primo rinomata località turistica italiana. Quando la sua terza traversata atlantica, fa una breve sosta sull’isola per cercare di ottenere una cura per la lebbra afflitti; si credeva che la carne e il sangue delle tartarughe erano buoni rimedi per la malattia. A quel tempo, e per un lungo periodo di tempo, poco più di uccelli e animali che abitano questo territorio di 620 km2, la terza più grande del paese. Mezzo secolo dopo solo 50 anime sono stati menzionati, gli allevatori per scontato.
L’insediamento “seriamente” si svolge attorno al 1620, quando un gruppo di inglese ha iniziato ad esplorare il sale di alta qualità trovata lì, il cui commercio avrebbe raggiunto il suo picco nella metà del XIX secolo. In quell’occasione, Sal Rei è stato anche suggerito come possibile capitale dell’arcipelago, vista l’importanza del suo porto nel traffico (slave e non solo) tra l’Africa e l’America.
E ‘in questo contesto che l’installazione Abramo e Esther Ben’ Oliel, ebrei sefarditi di Rabat e fondatori del piccolo impero di famiglia che avrebbe influenzato la struttura economica e sociale di questo pezzo di terra. Ora riposo in casa sollevato, perché è lì che si trova il migrante, con arredamento marocchino di ispirazione per rendere loro omaggio.
L’antico splendore del piccolo villaggio conservato. E ‘un luogo piacevole, il traffico sparso che attraversa un istante. Vi è la Chiesa di Santa Isabel, piuttosto semplice, il vecchio edificio doganale di fronte al mare, alcune case coloniali abitate da gatti e piante selvagge. Il resto sono case colorate, strade sterrate di acacia ombra, con negozi di alimentari una mezza dozzina di scaffali, gruppi di uomini che giocano furil (un gioco tradizionale) entro la fine del mercato di frutta e verdura, due terrazze in piazza.
Torna sull’isola di Boa Vista
Louis ci porta fuori strada. Egli è un uomo di poche parole, ma ci sono molti di voi sorrisi e conversazione ogni volta che incontra una bella creola lungo la strada. E ‘, tuttavia, che cosa ha bisogno: la pazienza di rispondere alle innumerevoli domande e richieste di frequente di arresto – foto oblige. Il primo è fatto in spiaggia Chaves, a vedere la vecchia fabbrica di ceramica, il lavoro di Ben ‘Oliel, la cui unica traccia è il camino che sporge dalla sabbia come un faro insolito cercando di resistere alle avances del tempo. La tradizione di plasmare l’argilla con metodi tradizionali ora continua nella Rabil laboratorio-scuola, a pochi minuti di distanza.
Morro de Areia. Il deserto del mare, in un contesto mozzafiato, dove le dune dell’isola di epiteto ha un senso. Il promontorio si può vedere un vero e proprio mare di sabbia, modellate dal vento le onde, con il blu profondo dell’Atlantico agitando un invito difficile resistere.
Dune di sabbia a Boa Vista
Dune di sabbia a Boa Vista
Il paesaggio sottostante è una bellezza lunare. La strada: uno circondato distesa di rocce, massi, sia cespuglio arrostito, flussi di letti che conoscono raramente la gioia di acqua. Sullo sfondo, il trattino di basalto scompare tra due colline senza alcun segno di presenza umana a disturbare la sua pace. Di gran lunga sembrare montagne nude ma è solo illusione del terreno dove il tè punto più alto, Pico Resort, non supera i 390 metri.
Centro storico è descritto in poche parole. Dire che richiede più tempo del tempo necessario per attraversare le due strade, case basse con i polli e asini assonnati nella parte posteriore, che raglia tra le acacie. Luogo di nascita del primo villaggio è anche il luogo dove il più grande partito dell’isola, S. Antonio, che si tiene a Chapel Hill ai piedi con lo stesso nome.
Passa la prima Jeep con i turisti, venendo alla spiaggia di Santa Monica, così chiamato in onore dell’omonima California sabbia. Secondo la mia guida la “versione boavisteira è senza dubbio magnifico ma più vuota pezzo.” Proprio così, splendidamente vuota, senza nessuno in vista in tutti i suoi 18 chilometri di lunghezza. Non c’è ombrello, un asciugamano, nessun posto dove acquistare acqua o un panino (si fa per evitare che, se intenzione di rimanere per un’ora buona).
Ci sono molte belle spiagge del pianeta e questo ha alberi di cocco malinconiche, non granito rosa proteggere calette. E ‘”solo” un enorme lingua di sabbia molto bianca, molto fine, leccare da acqua calda e calma, che porta branchi di pesci ai nostri piedi. Non ho mai incontrato un altro in cui entrambi Sprang urlo di felicità.
E ‘il pacifico regno di migliaia di granchi chiare, veloci come frecce a nascondersi nei loro buchi; varie specie di tartarughe marine che vengono a deporre le uova nelle sere d’estate; e molti marine, uccelli migratori o di allevamento, come la berta, il Alcatraz o la fregata rara. Un vero Eden.
L’idea di vedere un ‘grotta dei pirati “ha vinto la resistenza dei ragazzi di andarsene. I genitori bastavano loro la visione di un baobab – “ci sono solo tre sull’Isola”, dice Luis – piccolo per gli standard della terra-madre, ma pur sempre una promessa d’Africa.
Come ad esempio Capo Verde, che è l’Africa e non è buono. E ‘le facciate sgargianti correlazioni e il cofano di copertura donne in drumming sentito nelle strade, le tradizioni e ritmi registrati nei geni. Ma poi sentire l’Europa infiltrata nel sangue e la lingua, le passioni (ah, calcio!), Un certo modo di essere dei livelli di alfabetizzazione, la salute e il benessere economico di sopra di altri paesi in Africa orientale.
I bambini sull’isola di Boa Vista
Giochi per bambini sulle spiagge di Boa Vista
Improvvisamente vengono in mente una scena del giorno prima. Una coppia capoverdiana sulla spiaggia, bellissima, con lunghi capelli neri con i riccioli, i quali il suo fidanzato lanci una coda sirena, un attento scultura di sabbia.
Quando ho dato l’ordine di portarli una foto, ho visto che aveva tatuato l’arcipelago nella scapola. Inoltre conversazione ha rivelato che, come la maggior parte capoverdiani, erano anche gli emigranti. Che lei stessa è stata la perfetta metafora: diviso tra la comodità di una vita migliore e il calore della patria, con il paese inciso sulla pelle. O cuore, qualunque cosa.
Dopo la punta Varadinha aveva le stesse grotte, grande abbastanza per sognare un tesoro nascosto mentre il pranzo è scomparso sotto una fame vorace. Gli attacchi dei pirati erano anche in numero e gravità sufficiente per Conciliatore la costruzione della fortezza dei Duchi di Bragança, di fronte all’isolotto di Sal Rei, oggi solo una manciata di detriti che può essere visitata se un pescatore ci vuole prendere.
Un’altra fortezza nasconde nel fondo marino. Grandi banchi di pesce e frutti di mare sotto, le ampie barriere coralline sono responsabili di decine di naufragi nel corso dei secoli. Il cargo spagnola Cabo de Santa Maria è solo la sua ultima vittima. Il percorso verso il Brasile è stata interrotta nel 1968, lasciando la costa settentrionale una nave fantasma in una lotta costante con le onde e il vento, shell bloccata nella sabbia e alberi eretto al cielo, sicuro luogo di riposo per i nidi di gabbiani.
Si stima che circa 40 naufragi si sono verificati in tutto il Boa Vista, alcuni tragica come la Cicilia nel 1863. In una anteprima locale del Titanic, la sala da ballo ei suoi occupanti sono stati chiusi per ordine del capitano, per realizzare Se il disastro imminente. Andrà meglio aveva James Cook che, dopo diverse ore di disperazione, è riuscito a passare il Basso Giovanni Pimpi e perseguire terzo viaggio verso i mari del Sud.
I villaggi più interessanti sono il “Nord”, nome enigmatico della zona all’interno orientale. João Galego, Fundo das Figueiras, Cabeço de Tarafes dormire all’ombra di una vegetazione “lussureggiante” per gli standard locali. La silhouette sottile di palme è la prima luce verde per segnalare la presenza di un paio di campi coltivati, il poco che è possibile prosperare in 5% di terreno fertile del territorio isolotto. Qui ci sono acacie dove le capre fanno invece di uccelli, mordere duro lascia con gesti lenti.
Sal Rei è la città principale dell’isola di Boa Vista
Sal Rei è il più grande centro urbano dell’isola di Boa Vista
Il caldo porta la voglia di un caffè, su ordinazione e servita nella cucina della parte posteriore di un negozio di alimentari / bar / ristorante-quando-si-prende. La strada arriva il tonfo di una malta per macinare il grano per cachupa. Occhi curiosi sbirciano dalle finestre delle case bicolore (giallo / blu, colore rosa / verde, rosso / ocra, verd’azul) con buganvillea scalata delle mura. Voglia di stare qui, fare la volontà di stanchezza che invade l’osso.
Il primo elenco di luoghi da visitare è tagliato, come l’ondata di caldo aumenta. Ha avuto modo di vedere la Baia das Gatas dove in alcuni mesi, si possono ammirare decine di squali lungo la costa; e il Black Hill, il punto più vicino arcipelago di Africa, 455 chilometri di distanza.
Era impossibile perdere la punta Ervatao, secondo la guida, “più della stessa, un incredibilmente bella spiaggia.” Vieni a paradiso ha i suoi costi: in questo caso bisogna attraversare un oceano di pietra e la polvere, di ritorno allo stesso modo.
Il lieto fine potrebbe essere nel deserto Viana, un Sahara in miniatura, con la sua piccola oasi, palme solitarie e dune di sabbia formata dal vento Harmattan porta il continente nero.
O la spiaggia. O anche nella biblioteca dei migranti, dove le parole di Germano Almeida hanno senso “… l’eredità [di Boa Vista] è una certa pigrizia, non facendo quello che possiamo lasciare prima.” Dopo tutto , contrariamente a quanto lo spirito del luogo?
Il turismo sostenibile sull’isola di Boa Vista
Dire che il turismo muove le montagne, non è un modo di dire. L’attività economica sul futuro, quella in cui tutti i governi stanno scommettendo non solo è in grado di superare le montagne burocrazia (basta avere la dichiarazione di pubblica utilità per essere in grado di costruire un albergo in una zona finora vietato la costruzione), come occupante scogliere , bulldozer dune, erigere barriere per impedire l’accesso alle aree che sono patrimonio di tutti.
I paesaggi sfigurati si chiama progresso, sulla base del fatto che l’attività a vantaggio di tutti: il viaggio, perché possono fare con tutti i comfort e prezzi relativamente bassi, e le popolazioni locali, che sono garantiti occupazione e aumentato tenore di vita.
Sfortunatamente, la realtà è diversa. Le località che offrono soggiorno all-inclusive poi centralizzare tutti i servizi (anche attività ricreative) entro i limiti dello stabilimento, ottenendo la maggior parte del denaro speso nelle mani delle catene alberghiere internazionali (non per niente che si propongono di investire in luoghi in cui si stabiliscono con la costruzione di aeroporti e di finanziamento delle infrastrutture).
Se si vuole veramente aiutare le comunità locali a Boa Vista, ottenere La scelta di alloggio, sempre installato in piccole unità (come quelle suggerite in questo articolo). Gustare la cucina locale in diversi ristoranti, noleggiare una barca per un pescatore, pagare servizi di guida a una persona che ha vissuto lì questa volta. Allora sì, si può essere sicuri che tutti saranno un po ‘più ricco – voi compresi.
Massimo
+39 338 7587220
info@boavista2000.com