Capo Verde destinazione turistica

Capo Verde destinazione turistica

Capoverde, con l’isola di Sal e Boavista sarà la 3 destinazione turistica dei Francesi per il 2016. Capo Verde destinazione turistica

Capo Verde sarà una delle mete preferite dai turisti francesi nel 2016 ad affermarlo è “Le Figaro” che ha pubblicato la classifica Skyscanner secondo la quale l’arcipelago capoverdiano figura al terzo posto dopo Cuba e Russia. Le isole di Capo Verde, per i francesi, sono una forte attrattiva turistica: le immersioni subacquee e le escursioni sono i prodotti più ricercati ma figurano anche la musica, il paesaggio e la cultura. Le Figaro, parlando delle bellezze di Capo Verde menziona anche la ricchezza della valle di Paùl (Santo Antao), la coltura in terrazza di canna da zucchero e di banane, la spiaggia di Santa Maria (Sal), le tartarughe a Boa Vista e Cidade Velha  (Santiago).

La Francia aumenta gli investimenti in Capo Verde

Oliver da Silva, nuovo ambasciatore francese in Capo Verde parla dei nuovi investimenti che l’Agenzia Francese per lo Sviluppo (AFD) intende realizzare in territorio capoverdiano per il periodo 2016-2017, budget 80 milioni di euro. Ma non basta. Intervistato da un giornalista della A Voz, Oliver da Silva parla di rafforzamento della cooperazione commerciale ed economica tra i due paesi affermando che ci sono fondi pubblici da parte dell’AFD, ma anche investimenti privati nel settore del turismo, l’ospitalità, le infrastrutture e il digitale terrestre. La stabilità politica di Capo Verde e le condizioni favorevoli che il paese offre hanno infatti, suscitato un interesse nelle grandi società francesi desiderose d’investire e il ruolo dell’ambasciata è proprio quello di creare condizioni favorevoli per una partnership. Nell’immediato due sono i progetti che verranno realizzati velocemente: la desalinizzazione dell’acqua su alcune isole e anche l’arrivo del digitale terrestre. Pertanto la cooperazione tra la Francia e Capo Verde continua .”Continuerà e aumenterà” conclude Oliver da Silva” in ambito marittimo, per esempio, abbiamo ancora molto da esplorare”.

Per info contattatemi a:
massimo + 39 338 7587220

Le Figaro

Post correlati