Capoverde diventa crimine uccisione tartarughe Capoverde diventa crimine uccisione tartarughe Capoverde diventa crimine uccisione tartarughe Capoverde diventa crimine uccisione tartarugheCapoverde diventa crimine uccisione tartarughe

Capoverde diventa crimine uccisione tartarughe

Capoverde diventa crimine uccisione tartarughe; Il governo di Capo Verde ha approvato la normativa dei Ministri che criminalizza la cattura, l’uccisione e la vendita di tartarughe marine; un modo per scoraggiare le attività che stanno portando alla riduzione di questi animali in tutto l’arcipelago.
La nuova normativa, approvata nel corso della riunione del Consiglio dei Ministri e la cui dichiarazione è stata rilasciata oggi, definisce come crimine e punibile con l’arresto, la detenzione o l’uccisione deliberata di qualsiasi specie di tartarughe marine, l’acquisizione delle tartarughe marine vivi o morti, la vendita di tartarughe marine, vivi o morti, tra cui i resti imbalsamati o carcasse e il consumo di carne, uova o eventuali resti di tartarughe marine.

Sarà ancora puniti cercare di fare qualsiasi di questi crimini.

Il governo giustifica la necessità di pubblicazione di uno speciale regime giuridico per le tartarughe marine, con il fatto che il reato danni ambientali prevista per questi casi nel Capo Verde codice penale, non essere quello di garantire tutela penale efficace in questo settore.

“Il governo, considerando che è evidente nella società capoverdiana i mezzi di controllo amministrativo contro la predazione delle tartarughe marine mostrano chiaramente insufficiente”, in modo da presentare all’Assemblea Nazionale una proposta che “dare tutela penale specifica” per quegli animali.

Misure legislative per proteggere le tartarughe marine a Capo Verde risale al 1987, con il divieto di cattura di questa specie in stagioni di deposizione delle uova.

Nel 2002, le tartarughe sono state classificate come specie protette minacciate di estinzione e nel 2005 è stata vietata “la cattura, il possesso, semplice possesso o l’acquisizione, l’atterraggio, la commercializzazione e il consumo delle tartarughe marine”, punibile con multe pratiche.

Tuttavia, il governo riconosce che per la tutela penale, l’invocazione dell’articolo 206 del codice penale (reati danni ambientali) per punire i trasgressori, non ha avuto successo, dal momento che la Corte Suprema di Giustizia (STJ) ha capito che in casi portati in giudizio, se non hai riempito il tipo di reato di cui al presente articolo.

La popolazione di tartarughe che nidificano a Capo Verde

la tartaruga comune (Caretta caretta) è la terza più grande al mondo dopo popolazioni di Oman e sud-est della Florida.

Si stima che fino al 90 per cento della deposizione delle uova avviene sull’isola di Boavista. Nel 2007, oltre 1.100 tartarughe femmine sono stati macellati quando sono venuti ad atterrare a nidificare sull’isola di Boavista, Capo Verde, secondo la Fondazione tartaruga.

Da allora, numerosi progetti di conservazione delle tartarughe, che hanno fatto affidamento sul sostegno dei militari, hanno contribuito a migliorare questi numeri.

Per info contattatemi a:
massimo + 39 338 7587220