Pesca intensiva a Capoverde Pesca intensiva a Capoverde Pesca intensiva a Capoverde Pesca intensiva a Capoverde

Pesca intensiva a Capoverde

Pesca intensiva a Capoverde: ACOPESCA ha certificato di esportare dodicimila tonnellate di pesce nella seconda metà del 2015.

L’autorità competente per i prodotti della pesca, ACOPESCA, ha certificato per l’esportazione dodicimila tonnellate di pesce durante la seconda metà del 2015. Nello stesso periodo, gli ispettori ACOPESCA hanno accompagnato al trasbordo in altre imbarcazioni di quindicimila tonnellate di pesce, da navi straniere. Per violazioni della legislazione sulla pesca, ACOPESCA ha istruito cento sessantotto processi di reato. La lotta contro la pesca illegale è quello di garantire la sostenibilità e la credibilità di questa istituzione nata per salvaguardare il settore. La bandiera è il Presidente del Consiglio di ACOPESCA, un istituto con competenza esclusiva per l’ispezione delle attività di pesca e di controllo sanitario dei prodotti della pesca a Capoverde. Dal momento della sua attuazione nel mese di luglio 2015, ACOPESCA ha fatto 1907 ispezioni sulle navi da pesca su scala industriale. Di dodici mila tonnellate di pesce esportato solo quattro tonnellate sono stati catturati dai proprietari Capo Verde. All’inizio del 2016, il porto di Praia operatori si sono lamentati per il ritardo nel rilascio di certificati sanitari per l’ottenimento dei permessi di pesca, ma il presidente della ACOPESCA, Oscar Melício arriva alla normalità. L’ ACOPESCA ha venticinque ispettori, è in tutte le isole e nei primi sei mesi di attività potrebbe soddisfare la domanda, conclude Oscar Melício.

“Speriamo che l’Acopesca riesca ad avere le risorse necessarie per controllare il vero problema della pesca a Capoverde che è la regolamentazione e il controllo della pesca a strascico effettuata con Navi super attrezzate che depredano questo mare ricco di pesce.”

fonte: rtv.cv 08/01

Pesca intensiva a Capoverde ACOPESCA

E’ la nuova autorità competente per i prodotti della pesca ed è operativa da luglio 2015 e sostituirà la Direzione Generale delle Risorse Marine nel monitoraggio delle attività di pesca.
L’informazione è confermata da Oscar Melício, ex direttore dell’Istituto nazionale per lo sviluppo della pesca e per la fine di marzo il presidente del consiglio di amministrazione dell’istituto, che ha parlato in dichiarazioni alla radio Morabeza.
“Si tratta di un ente autonomo che si farà carico dell’ispezione tutto dell’attività di pesca e della sorveglianza sanitaria dei prodotti della pesca che fino ad oggi è stato fatto dalla Direzione Generale delle Risorse Marine”, ha detto Melício.
Nel corso del controllo dei pescherecci, il ACOPESCA collaborerà con altre istituzioni pubbliche.
“In termini di pesca, il lavoro di vigilanza altresì garantita dal Maritime Authority e la Guardia Costiera, anche se questi due non sono esauriti solo per la pesca. Noi siamo l’autorità del ministero responsabile del settore, abbiamo una rete di ispettori su ogni isola di lavoro con la Guardia Costiera e porti di sbarco “, ha detto il presidente del consiglio di amministrazione.
Informazioni sul controllo sanitario, secondo Oscar Melício lì dal 2002 una squadra di ispettori sanitari lavorare con la certificazione di prodotti per mercati nazionali e internazionali.
“Stiamo evolvendo. Dal momento che l’embargo è stato revocato nel 2003, l’80% dei quali le esportazioni di Capo Verde sono i pesci, perché assicura il controllo sanitario. Per lungo tempo l’ispezione era il vincolo principale della gestione della pesca, ma ora non più. Abbiamo 28 ispettori in tutto il paese “, conclude Oscar Melício.
Il ACOPESCA ha sede a Saint Vincent ed è stato formalmente istituito nel 2014. Essa ha responsabilità in materia di ispezione, controllo e certificazione dei prodotti della pesca e della pesca. Funziona negli ex locali del Fondo per lo sviluppo della pesca.

Post correlati