Boa Vista è l’isola più costosa di Capoverde per vivere . Lo dice il Presidente del Consiglio di Amministrazione del Tourism Development Corporation di Boa Vista e Maio (SDTBM) , Avelino Bonifacio , che attribuisce parte della responsabilità di questa situazione al deficit del trasporto, in particolare in collegamento marittimo tra le isole . Questo è perché mancano i prodotti, particolarmente il fresco , e i prezzi sono gonfiati del 50 per cento o più , a seconda della richiesta. Il recente sciopero dei negozi cinesi che dominano il settore alimentare ha presentato un’isola vulnerabili ed eccessivamente dipendente . Boavista sta pagando questo situazione perché per il momento non ha altra scelta.

Vivere a Capoverde, Boavista l’isola più costosa

Vivere a Capoverde, Boavista l’isola più costosarde Boavista

La popolazione di Boa Vista sta pagando a caro prezzo per lo sviluppo dell’isola, dato il costo economico e sociale, eccessiva portato dal turismo. Il Cittadino “Djidjuca” sentito da questo giornale, non ha dubbi: l’alto costo della vita in Boa Vista è dovuto principalmente al turismo, che porta molto pochi benefici ai residenti. I vari negozi di generi alimentari esistenti nel nord , difficilmente potrtanno vendere una bottiglia di acqua ai turisti, che trascorrono sulle carovane di auto verso le spiagge o le zone più remote. “I turisti, nella maggior parte dei casi, nemmeno scendono dalle auto per comprare una bottiglia d’acqua, perché gli alberghi li forniscono. E quando si fermano nei paesini è solo per fotografare”.

Per queste situazioni Boavista, ‘isola di dune’ a pagare il conto sono i residenti che sono costretti a comprare, per esempio, una bottiglia di acqua potabile di un litro e mezzo di 150 e fino a 200 escudi, quando la altre isole il prezzo varia tra i 45 ei 50 scudi. “Dobbiamo comprare un chilo di tonno per 600 o 700 scudi. Lo stesso vale per frutta e verdura.  La prevalenza  che domina il settore alimentare sono i negozi cinesi. E lo sciopero che hanno messo in scena di recente fa ragionare sul pericolo che della dipendenza eccessiva verso loro. È bastata una giornata di inattività a far sentire la mancanza di beni di prima necessità sull’isola – con i mini market, non cinesi, di non avere la capacità di rispondere alla domanda. “Djidjuca” concorda sul fatto che il mercato sull’isola di Boa Vista è piccola e non ci sono alternative. Fare affidamento su un gruppo che può paralizzare l’isola quando vuole, è un rischio enorme. “Ci lamentiamo, ma non abbiamo alternative. Nei negozi cinesi, le bilance non funzionano correttamente e i prezzi dei prodotti sono combinati, ma mancano di controllo di un’autorità competente. Inoltre abbiamo un’associazione per la tutela dei consumatori, come esiste in altre isole

Vivere a Capoverde, Boavista l’isola più costosa

Affittare casa a Boa Vista, soprattutto per i lavoratori che arrivano da altre isole,  e dalla costa occidentale dell’Africa, ma anche per chi viene dall’Europa, è un’avventura che richiede pazienza, capacità di negoziazione e una dose di fortuna. In primo luogo, è necessario sapere dove sono le case disponibili e se si trovano in zone e aree non sicure o lontane dal centro.  Seconto “Djidjuca” una volta era più facile trovare un posto per vivere, e in buone condizioni a Boavista. “I prezzi erano molto convenienti. Tuttavia, vi è stato un aumento del flusso di persone sull’isola, che gonfiato i costi di affitto. “Molte famiglie stanno ricevendo persone provenienti da altre isole e paesi nelle loro case per contribuire a pagare le spese. Questo accade nella città di Sal Rei.  Nonostante questa “ginnastica” per aggirare le difficoltà, vivere a Boa Vista è sempre più complicato con stipendi che vanno dai 25.000 ai 45.000 escudi al mese. “Questi stipendi non supportano i costi di base di cibo, energia, acqua, salute, istruzione e altre cose. La situazione è ancora più grave soprattutto per le persone che ricevono il salario minimo “, aggiunge questo Boavistense. 

Questa è una situazione che, dice, deriva da due o tre decenni. “Il costo della vita a Boa Vista è stato sempre superiore dell’isola di Santiago, per esempio. Ecco perché abbiamo poveri collegamenti marittimi e, pertanto, mancano cibo e altri beni sugli scaffali dei negozi. D’altra parte, questo mercato è dominato da cinesi. C’è un monopolio, che danneggia l’isola. Solo due minimarket non siano sfruttati da cinesi, uno per uno italiano e l’altro da un individuo dell’isola di Fogo “.

SDTBM sottolinea il”deficit di trasporto” come la causa della situazione. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione ritiene che, in questi giorni, l’isola delle dune è il paese più costoso per vivere, tanto per conto deficit trasporti tra -ilhas, in particolare del mare. “Non mi riferisco esclusivamente alla bassa frequenza dei collegamenti, ma anche la mancanza di programmazione di connessioni a condizioni di cattiva gestione e prodotti per l’imballaggio nei porti, in particolare in Sal-Rei, le cattive condizioni di conservazione deperibili nelle proprie barche effettuare la connessione per l’isola, l’assenza di un servizio di logistica efficace, in particolare per l’imballaggio, il confezionamento e containerizzazione delle merci deperibili, in particolare, i porti d’imbarco “, dice Avelino Bonifacio. Queste situazioni, a suo avviso, aumentano le perdite di commercianti che per compensano i prezzi sono aumentati. E come riflesso incatenato, ne consegue che gli elevati costi dei vari servizi iniziano per più elementari, come l’alloggio. Bonifacio mette in evidenza che il fattore turismo ha anche la sua responsabilità. Il costo della vita in proporzione all’aumento dei prezzi si è registrato anche su Sal, dopo aver isolato tutti questi fattori. L’economista non specifica, ma conclude che è un dato di fatto che i prezzi alimentari sono fino al 30% per cento superiore alla media, c’è meno competitività e le infrastrutture sono inadeguate. Secondo lui, tutto questo aumenta il rischio di investimento per gli imprenditori e più costosi i servizi alberghieri e di ristorazione, nonché i costi di disuguaglianza dei redditi guadagnati qui sono più alti.

Fonte: Asemana

info@boavista2000.com
Massimo +39 338 7587220

Post correlati