Parole di Sergio Corra’, candidato indipendente per il Comune di Boa Vista alle prossime elezioni comunali, in questa esclusiva di Santiago Magazine, dove, tra proposte e informazioni, afferma che il sistema municipale non funziona, che fa il Sindaco di Boa Vista cosa vuoi e cosa devi entrare per capire cosa sta succedendo e cambiare il sistema, dal momento che “l’isola sta subendo una forte corruzione, attiva e passiva”.

Santiago Magazine – Chi è Sergio Corra’?

Sergio Corra ‘- Ho una laurea in Contabilità. Ho iniziato a lavorare con una banca d’affari, prima era una banca americana, poi una banca inglese, di nuovo una banca americana e poi una banca francese. Per quasi 20 anni. Poi ho ricevuto una proposta per la carica di amministratore delegato dell’Hotel Marine Club che era in costruzione a Boavista e stanco di vivere in una città inquinata come Milano, in Italia, ho deciso di dimettermi dalla banca e viaggiare per questa avventura. Sapevo dov’era Capo Verde perché mio padre era tornato dall’Africa, ma era una destinazione difficile da visitare perché all’epoca c’era solo un volo diretto dalla Russia. Quando sono arrivato qui al TACV, stavo facendo il collegamento da Bergamo a Sal. Nel marzo 1997 sono arrivato qui con questa accusa.

Cosa ti ha interessato di più quando sei arrivato qui?

La prima cosa che mi ha davvero colpito è stata il tempo e le persone. Persone tranquille ed educate, della stessa religione, il fatto di non avere malattie. La nostra sfida era quella di cercare di sviluppare un’attività economica sostenibile.

Un uomo d’affari, quindi! Tuttavia, abbiamo notato che il Signore è un grande attivista sociale. Cosa ti emoziona quando pensi di sviluppare questi investimenti sociali qui a Boavista?

Penso che una società commerciale dovrebbe dedicare parte del profitto alle questioni sociali. Ad esempio, a quel tempo, qui, nessuno faceva il carnevale. Siamo stati i primi, con il Marine Club, ad organizzare il carnevale con un galleggiante, un gruppo; non c’era praticamente nessun sistema audio, ho importato attrezzature di qualità, ho aperto un bar sulla terrazza che era chiuso; facevamo cinque attività sociali a settimana, facevamo film. C’era il desiderio di farlo perché c’era poco, e con le poche persone imprenditoriali, quasi tutte italiane, c’era il desiderio di partecipare allo sviluppo dell’isola.

Sono venuto qui per lavorare con il Marine Club ma poi è partito …

Sì, sono rimasto lì per 2 anni, è stato un lavoro complicato. I conflitti tra i partner della società erano molti. Si pensava che sarebbe stato un affare molto redditizio con il turismo e ha iniziato un conflitto tra i partner per vedere chi avrebbe il pieno controllo del business. Ho resistito per 2 anni, con molte difficoltà a gestire il business, tra le lotte dei partner, e poi ho deciso di dimettermi e iniziare a fare qualcos’altro per conto mio.

Perché non sei tornato in Italia, in questo caso?

Quando sono arrivato qui il mio contratto era per un anno. Con i conflitti, sono rimasto perché era necessario essere qui per sopportare la situazione. Ma ho iniziato a dirmi che questo è un clima particolare e trovo difficile trovare questa condizione in un’altra parte del mondo. Ho soggiornato qui fino ad oggi con la mia famiglia.

Quando hai iniziato con la tua azienda?

Quando ho lasciato il Marine Club, ho fondato una società chiamata “Cabogesat Lda” che era una società di servizi. Quando ero in hotel una delle difficoltà era l’acquisto di cibo e bevande perché qui c’erano pochi commerci, ho iniziato con questa società per fornire un servizio per la vendita di alimenti e bevande a credito riservato alle attività economiche con un permesso comunale.

Ma poi sei entrato in politica? 

La politica mi ha sempre interessato sin da quando ero molto giovane. Perché è nella politica di decidere tutto ciò che ha a che fare con la vita sociale, economica, tutto di un paese. Principalmente perché sono sempre stato contro gli abusi che di solito sono registrati in qualsiasi parte del mondo. E l’unico sistema per cambiare qualcosa è entrare nel sistema politico in un paese democratico perché funziona così.

Oggi il Signore è eletto municipale. Come valuta le prestazioni dell’autorità locale?

Il sistema municipale praticamente non funziona. La legge afferma che l’esecutivo del consiglio comunale deve essere controllato dall’Assemblea municipale. In questo momento è ancora peggio perché la maggioranza che sostiene l’esecutivo del consiglio comunale lavora per il Consiglio comunale. La panchina MpD è infatti della stessa parte, questa squadra non è un gruppo indipendente, è solo un fronte. Quindi abbiamo 2 funzionari eletti PAICV e non ha quasi peso. Il sistema in quanto strutturato a livello di legge è buono, ma in seguito non viene rispettato. L’ispezione è totalmente carente e l’esecutivo del consiglio comunale può fare quello che vuole.

Significa quindi che gli enti municipali non rispettano la legge?

Nessuno. Non conosco le altre isole, ma non conosco quest’isola. Su quest’isola, il Consiglio Comunale non rispetta alcuna legge statale.

Il Signore ha dichiarato che correrà per il Consiglio Comunale come candidato indipendente. Cosa ti spinge in questa lotta?

Il fatto che non credo che l’unica parte in grado di fare opposizione, che è il PAICV, sarà in grado di fare qualsiasi cosa su quest’isola. Soprattutto perché il sistema del Municipio è un sistema corrotto e tu non vuoi discuterne e metterlo in discussione, dobbiamo andare dentro e vedere cosa succede, dove vanno tutte le nostre tasse, perché , su base giornaliera e in questo territorio, non è possibile percepire e, dopo aver preso il polso della situazione, cambiare il sistema.

In questo caso, qual è il tuo programma? Cosa vuoi cambiare dentro?

Al momento, il consiglio comunale ha tra i trecento e i quattrocento milioni di scudi di debito con banche e fornitori

Se c’è qualche possibilità di vincere la fotocamera, la prima formula per cambiare qualcosa è vedere se il sistema è sostenibile, è eliminare il debito. Al momento, il consiglio comunale ha tra i trecento e i quattrocento milioni di scudi di debito con banche e fornitori; per ridurre gli alti costi operativi, che negli ultimi 10 anni è aumentato in modo incontrollato, e per lavorare in modo che qualsiasi servizio fornito dalla camera sia redditizio, non possiamo fare nulla che possa creare un altro debito.

Essendo un piccolo comune, diviso tra il MPD e il PAICV, non pensi che sarà difficile preparare questa domanda?

Nel 2012 avevamo già presentato un gruppo indipendente, il “Forças Vivas”. A quel tempo, era ancora più complicato perché l’ex sindaco, Djô Pinto, aveva un controllo molto forte sulla popolazione, a causa della vendita di terreni, e poi c’era il PAICV. Ma era ancora possibile raccogliere le firme, che sono circa 400, dopo aver creato un elenco di 36 candidati. Con difficoltà è stato creato in quell’occasione, e penso che sarà più facile.

A che punto è già questa preparazione? Hai già un abbonamento?

Abbiamo già raccolto più di cento firme e le abbiamo consegnate al censimento per avere i certificati originali da presentare per la domanda. La raccolta delle firme non è un problema. È più complicato preparare un elenco di persone serie e oneste che vogliono litigare tra 2 partiti nazionali.

Avevo appena parlato della corruzione installata qui. A quale tipo di corruzione ti riferisci? Cosa sta succedendo su quest’isola?

Per quanto ne sappiamo, tutti i terreni devono essere venduti mediante gara pubblica. Ma è di uso comune per il Sindaco assegnare la terra comunale che desidera. Questa è una forma molto forte di corruzione attiva

Comprendiamo che il consiglio comunale è un sistema corrotto e che può corrompere chiunque vi entri. Ecco perché è necessario mettere in discussione questo sistema, poiché sono convinto che anche una persona onesta possa avere problemi a gestire un sistema in questo modo. La corruzione che si verifica su quest’isola, a livello attivo, è quella delle vendite di terreni, perché la legge non conferisce questo potere al Sindaco. Per quanto ne sappiamo, tutti i terreni devono essere venduti mediante gara pubblica. Ma è di uso comune per il Sindaco assegnare la terra comunale che desidera. Questa è una forma molto forte di corruzione attiva. Poi abbiamo la corruzione passiva, che è la pubblica amministrazione che spende denaro a piacimento, specialmente con aziende amichevoli, dove tutto ciò che viene fatto costa sempre due o tre volte di più che se fosse un privato. È un tipo di corruzione che esiste nella pubblica amministrazione.

Nelle sue critiche, ha affermato che esiste una compagnia di un consigliere che fornisce servizi e stipula contratti con la Camera. Puoi provare queste critiche?

Ho fatto parte, nel 2018, con il PAICV, di una commissione d’inchiesta che è stata costituita per scoprire cosa stava succedendo con uno scambio di 2 grandi appezzamenti di terra nella migliore zona della spiaggia di Estoril. Questa società, che è Oásis Constructions, appartiene al 50% al consigliere comunale, Aristides Brito, e queste terre gli sono state consegnate. Questa società ha lavorato molto per la squadra precedente e per questa. In precedenza, uno dei partner non era un consigliere, ma non appena è entrato nella camera, hanno fatto diversi lavori con un accordo diretto e senza gara pubblica.

Il Signore critica sempre in termini di pianificazione urbana. Dice sempre che non rispettano i piani e che non ci sono piani. Se il Signore è sindaco, quali sarebbero i primi passi che faresti?

Su quest’isola vengono spesi molti soldi per realizzare piani Master, PDU, suddivisioni, ecc. per ciò che sappiamo e ciò che abbiamo chiesto alla commissione d’inchiesta per tutti questi materiali e questi studi non c’è nient’altro. Pensiamo che sia stato bruciato dalla precedente squadra del consiglio quando hanno perso le elezioni. Sono stati bruciati nel settembre 2016. Ora l’applicazione di questo sistema di pianificazione è molto complicata, perché quello che sappiamo è che non c’è nient’altro. È necessario rivedere esattamente quale sia la situazione.

Sarà necessario fare nuovi piani?

Io non la penso così. Tutti questi piani sono stati realizzati da importanti aziende a livello nazionale e internazionale che ne hanno sicuramente una copia. E, certamente, ci forniranno una copia di questo materiale che costa molto.

I rifiuti raccolti a Sal Rei devono essere trattati e riutilizzati a Sal Rei. Al momento, la spazzatura non viene né trattata né riciclata. In termini di rete fognaria, l’anno scorso è stato fatto qualcosa. Una piccola parte, spendendo molti soldi, penso cento milioni di escudos, e non era collegato a nessuna casa, il sistema non funzionava, è praticamente abbandonato

Abbiamo notato che la situazione dei servizi igienico-sanitari di base qui è molto critica e non esiste un sistema efficace di raccolta e trattamento dei rifiuti. Che cosa hai da dire al riguardo?

In termini di raccolta dei rifiuti, il consiglio comunale si limita a raccogliere a Sal Rei e in un altro villaggio e scaricare, senza alcun tipo di trattamento, nella spazzatura municipale, ultimamente è stato bloccato da blocchi, hanno messo una guardia e speso molti soldi lì per tenere la spazzatura. Pensiamo che la spazzatura debba essere trattata al chilometro 0. La spazzatura che viene raccolta a Sal Rei dovrebbe essere trattata e riutilizzata a Sal Rei. E non usando camion, camminando da una parte all’altra dell’isola. Al momento, la spazzatura non viene né trattata né riciclata. In termini di rete fognaria, l’anno scorso è stato fatto qualcosa. Una piccola parte, spendendo molti soldi, penso cento milioni di escudos, e non è stato collegato a nessuna casa, il sistema non è stato avviato, è praticamente abbandonato. Quello che faremo è una cosa molto semplice: qui non c’è molta concentrazione di case, gli hotel sono obbligati ad avere un sistema di trattamento e riciclaggio delle acque reflue. Pertanto, è necessario investire nella fito-purificazione, che consiste in un sistema di fronte a ogni casa, che è sempre piante verdi che possono servire a ornare e abbellire l’isola e la città, e questa pianta assorbirà l’acqua dal pozzo perduto.

Questo consumerà molti soldi?

Il sistema per il riciclaggio dei rifiuti e la fito-purificazione costerà un centesimo rispetto a ciò che intendono fare con il sistema di trattamento delle acque reflue o a quello che stanno facendo ora con la spazzatura. Questo è un sistema a basso impatto ambientale, praticamente nulla, e costerà molto poco perché nel caso della spazzatura pensiamo di portare qui macchine industriali, che non sono così costose e che schiacciano qualsiasi tipo di macerie, tutto ciò che è materiale che non è pericoloso e inquinante può essere utilizzato per riempire i tratti stradali che dobbiamo pavimentare. Ora viene utilizzata la sabbia delle dune. Useremo il materiale che uscirà dal riciclaggio per riempire le strade, con il vetro puoi riempire i blocchi, se puoi fare molto che funzioni a livello urbano.

Nelle conversazioni in giro per la città abbiamo notato che non esiste una relazione salutare tra investitori, trader e camera stessa. Senti questa situazione?

Riteniamo tutti che il Consiglio Comunale sia un’entità che crea problemi, crea ingiustizie, favorisce alcuni a danno di altri e ha una posizione di conflitto. Ad esempio, con le donne che vendono verdura per strada, dobbiamo migliorare questo sistema commerciale, ma non con questa violenza che è stata applicata di recente.

Una delle sue maggiori critiche è che la macchina fotografica ha distrutto uno spazio – il versatile Manuel Jesus da Cruz. Cosa pensi ci sia dietro questa misura?

È più una corruzione degli organi del precedente Consiglio Comunale. Perché hanno deciso di demolire una struttura moderna, costruita nel 2002, con 30 negozi, un centro di informazioni turistiche e un’insegna sportiva illuminata che serviva alla comunità, in breve, un buon lavoro e che stava pagando perché ogni negozio ha pagato circa 6 mille escudos al mese di reddito, e facendo una barbarie come quella laggiù. È stato demolito nel 2015, con la promessa che lì sarebbero stati costruiti 2 hotel a 7 piani, alla fine non è stato costruito nulla. Abbiamo perso un’importante infrastruttura, le persone che si sono guadagnate da vivere sono state alloggiate in tende per un periodo di 6 mesi e sono state lì per 4 anni. Un sindaco non prende una tale decisione di nutrirsi economicamente, politicamente e socialmente, è chiaro che dietro di esso c’è un oscuro interesse.

L’Assemblea municipale ha deciso a favore di quella distruzione?

La questione non è stata portata in Assemblea.

Ma le offerte immobiliari dovrebbero essere sempre decise dall’Assemblea?

Sì, per legge devono essere. È di proprietà comunale.

La Camera è riuscita a vendere quello spazio?

Fu prima demolito e poi venduto a un investitore italiano. Si sono svolti due concorsi, non molto trasparenti, che sono stati venduti per 47 mila contos. Duemila metri quadrati di terreno.

Un’altra critica che fa è che la Camera non rispetta i piani, in questo caso il PDU. Come puoi spiegarlo in modo che le persone possano capire con fatti concreti cosa è successo?

Nel 2008, la Camera precedente, per creare più appezzamenti di terreno e vendere, trasformò la strada in appezzamenti, costruendo sopra le tubature dell’acqua, una rete idrica di 220 milioni di scudi fu distrutta ed era necessario modificare l’illuminazione

Il fatto concreto più visibile, ad esempio, è una strada molto grande che è stata pianificata in un piano 30 anni fa. La rete elettrica e idrica è stata realizzata 10 anni fa. Questa strada, larga 30 metri, illuminata, con tubature sotterranee e tutto il resto, finanziata dal Kuwait, è stata eliminata per suddivisione. Nel 2008, la Camera precedente, per creare ulteriori appezzamenti di terreno e vendere, trasformò la strada in appezzamenti, costruendo sopra le tubature dell’acqua, una rete idrica di 220 milioni di scudi fu distrutta ed era necessario modificare l’illuminazione, alcuni le lampade erano nelle case delle persone che le costruivano. E la cosa più seria è che ci siamo persi la strada, che è l’unico collegamento progettato per collegare il molo a un’altra parte dell’isola. Proprio ora praticamente abbiamo solo una strada temporanea che è stata costruita di terra battuta nella costruzione del molo perché non c’era nessun posto dove andare. Questa strada è temporanea. Questo è un caso, quindi Alameda e le terre che furono passate da questa Camera ad Aristides Brito, che è un consigliere e che erano un’area di svago, l’unica area di svago che era rimasta dalla Camera precedente, perché c’erano due, una è stato precedentemente venduto e l’altro è stato venduto da questa fotocamera. I piani sono belli, sono fatti per le persone che hanno studiato l’urbanistica e quindi il Sindaco non lo rispetta. l’unica area per il tempo libero che era rimasta dalla Camera precedente, perché ce n’erano due, una era precedentemente venduta e l’altra era venduta da questa Camera. I piani sono belli, sono fatti per le persone che hanno studiato l’urbanistica e quindi il Sindaco non lo rispetta. l’unica area per il tempo libero che era rimasta dalla Camera precedente, perché ce n’erano due, una era precedentemente venduta e l’altra era venduta da questa Camera. I piani sono belli, sono fatti per le persone che hanno studiato l’urbanistica e quindi il Sindaco non lo rispetta.

A chi la Camera ha venduto la terra di Alameda?

È stato fatto uno “scambio”. In effetti, si trattava di una vendita senza gara pubblica per pagare un debito per il lavoro svolto dalla società Construções Oásis, dal consigliere Aristides Brito. C’erano un totale di 8 mila contos di debito e decisero di consegnare questi due appezzamenti di terreno, lo trasformarono in due lotti, uno di 3.000 metri quadrati e l’altro di 7 mila metri quadrati e qualsiasi cosa, e consegnarono questa terra quando era possibile venderlo per dieci volte di più.

Notiamo che Boavista ha quartieri in rovina, in particolare il quartiere Boa Esperança, che conta circa ottomila persone. Se sei eletto sindaco, quali programmi avrai per quel quartiere?

L’urbanizzazione è stata effettuata dal governo lo scorso anno con il Fondo del turismo, la Camera non è stata in grado di fare nulla, è un’area municipale ed è stata costretta a chiedere al governo di subentrare. Fu urbanizzata nella parte dell’edilizia civile e la parte più antica era le tende, erano tutte in mezzo alla terra, sempre con problemi che dopo le piogge potevano creare un’epidemia ed è necessario pensare che ci siano più di 800 attività economiche all’interno (bar, ristoranti, discoteche, c’è di tutto)

Il quartiere di Boa Esperança è un problema sociale complicato. La maggior parte delle case sono costruite come a Sal Rei, l’unica cosa che mancava era l’urbanizzazione. L’urbanizzazione è stata effettuata dal governo lo scorso anno con il Fondo del turismo, la Camera non è stata in grado di fare nulla, è un’area municipale ed è stata costretta a chiedere al governo di subentrare. Fu urbanizzata nella parte dell’edilizia civile e tutta la parte più antica era costituita dalle tende, erano tutte in mezzo alla terra, sempre con problemi che dopo le piogge potevano creare un’epidemia ed è necessario pensare che ci siano più di 800 attività economiche all’interno (bar, ristoranti, discoteche, c’è di tutto). È un’economia che si sostiene da sola, non esistono ispezioni di alcun tipo, non pagano le tasse e questa idea ora di demolire la parte più antica e trasferire persone a Casa para Todos che sono edifici e le persone non saranno più in grado di guadagnare il proprio reddito. Tutto ciò a cui il governo, insieme alla Camera, deve prestare particolare attenzione. La nostra idea è che ognuno dovrebbe avere un appezzamento di terra di almeno 100 metri e come comunità, possiamo aiutare a costruire questo appezzamento con una camera da letto, una cucina e un bagno per trasferire le persone dalla tenda a questo sistema. chi è indipendente e dove possono continuare a guadagnare come sono abituati. Nel tempo questa famiglia sarà gradualmente in grado di costruire e aumentare lo spazio della propria casa. Qualcosa che è stato fatto da tutti noi. Nessuno ha costruito un palazzo da zero. Tutti i capoverdiani costruirono una piccola casa e poi la cima.

In breve, forse il Signore avrebbe scelto di riabilitare il quartiere invece di portare fuori la gente?

Esattamente. Non riescono a far uscire la gente da lì.

Boavista è un’isola turistica. Se venissi eletto sindaco, quali condizioni creeresti qui per migliorare la situazione turistica ed essere un’isola più accogliente? Quale sarebbe il tuo programma in questo settore?

Quando sono arrivato qui nel 1997, come ho detto, non c’era nulla. Oggi c’era una situazione molto diversa, ad esempio Internet, il sistema di prenotazione non esisteva. E la nostra preoccupazione quando abbiamo aperto l’hotel era di avere un forte tour operator , per portare i turisti. Pertanto, quasi l’intera economia e persino il governo scommettono su questo fantastico hotel perché aveva un tour operator in grado di garantire voli e non esisteva nemmeno un aeroporto internazionale. L’intera preoccupazione era per una migliore infrastruttura e ora abbiamo una migliore infrastruttura. Un aeroporto internazionale con la possibilità di lavorare senza un tour operator.Oggi possiamo sviluppare un tipo di turismo più sostenibile e che può essere controllato dalla popolazione locale, ad esempio avere una casa, un appartamento e molte persone lo stanno facendo. Chiunque, anche i cittadini, sta facilmente stipulando un contratto con la prenotazione elettronica o un altro sistema e procederà all’aeroporto internazionale per arrivare qui e avere clienti. I clienti vengono qui perché ci sono grandi investimenti. Dobbiamo scommettere su grandi investimenti, investimenti medi e piccoli. Al giorno d’oggi, qualsiasi settore può essere sviluppato perché, ovviamente, c’è una nuova situazione che viene dagli ultimi 5/6 anni.

Altre persone ci hanno già detto che molti visitatori mostrano interesse a fare qualcosa qui, ma quando entrano in città iniziano a essere delusi. Quindi, qui la Camera ha un ruolo che migliorerebbe l’ambiente in città….

La Camera deve abbellire Sal Rei, ma fino ad oggi non ha fatto assolutamente nulla. Non ha creato un’area turistica dove le persone possono venire e trovare qualcosa di interessante. Intervenire a Sal Rei non è né complicato né costoso come presentano. Hanno grandi progetti che a volte sono insostenibili dal punto di vista economico e in effetti, ad oggi, non ne hanno avviato nessuno. Il primo grande progetto è stato presentato nel 2014, poi nel 2017 e siamo nel 2020 e non è iniziato nulla.

Quali progetti sono questi?

Il primo progetto presentato dal precedente consiglio era la riqualificazione dell’intera area centrale e del lungomare all’Hotel Marine Club e non è stato avviato. Quindi è stato presentato un progetto, con questo team della città, per la riabilitazione dell’area della spiaggia di Cabral e la demolizione totale della piazza principale da creare, poiché l’architetto ha chiamato una jungla nel centro della città e questa non è iniziata perché – e perderemmo il ultimo patrimonio storico e culturale dell’isola – è un progetto con un budget molto elevato. Quello che puoi fare è iniziare a dare la possibilità di lavorare dove passano i turisti, come la strada dei pescatori per Farinaçao. La possibilità è quella di sviluppare un business davanti alla casa o al negozio che le persone hanno, che può occupare parte dello spazio, poiché sono aree in cui non vi è alcun movimento di automobili e chiunque può finanziare la parte anteriore, aprendo la parte anteriore della casa, la Camera indicherebbe il tipo di pavimentazione e quindi recupererà questo denaro attraverso l’imposta per occupare uno spazio pubblico . Per sviluppare questa attività automaticamente senza investire molti soldi da parte della Camera, questa area diventerebbe un’area turistica, in seguito sarà riqualificare la piazza, valorizzando il luogo storico e non demolendolo. Il turista europeo, in questo momento, cerca la storia di un paese in cui visita. Quindi è solo un lavoro di buona volontà e quindi si può fare di più qui. Ovviamente è un lavoro pesante da parte della Camera, in quanto deve fare 12 ore al giorno e senza viaggiare all’estero. Se qualcuno è interessato a investire in Boavista, vieni qui e fallo.

Uno studio del governo del 2014 ha concluso che Boavista è l’unica camera autosufficiente. Essendo autosufficiente, come valuta le prestazioni delle squadre cittadine nell’ultimo decennio?

La tassa sulla proprietà viene applicata qui illegalmente, anche se paghiamo e arrivano molti soldi, circa 150 milioni all’anno, in media, negli ultimi dieci anni o più. Di tutta questa sostenibilità, praticamente, non siamo stati in grado di vedere nulla perché non sono stati eseguiti importanti lavori a Sal Rei

Questo studio è stato condotto sulla base del fondo di finanziamento che lo Stato trasferisce ogni anno, ma principalmente sulla famosa tassa sulla proprietà, IUP, che negli ultimi dieci anni è stata un grosso mal di testa per tutto il mondo. La tassa sulla proprietà viene applicata qui illegalmente, anche se paghiamo e arrivano molti soldi, circa 150 milioni all’anno, in media, negli ultimi dieci anni o più. Di tutta questa sostenibilità, praticamente, non siamo stati in grado di vedere nulla perché importanti lavori a Sal Rei non sono stati realizzati, dopo che il debito pubblico è cresciuto, per opere importanti come il Centro di Arte e Cultura e i prestiti bancari multiuso coperti sono stati fatti intorno quattrocento milioni di quei soldi non so quanto sia stato esattamente applicato a ciascuno dei progetti.

fonte: SantiagoMagazine