Il Primo Ministro capoverdiano ha annunciato oggi l’estensione del divieto di voli dall’Italia a Capo Verde fino al 30 aprile e una “stretta sorveglianza” sui viaggi da Francia, Portogallo e Spagna, a causa di Covid-19.

Il divieto di voli verso l’Italia, tenendo conto della prevalenza dei casi. Abbiamo preso la decisione in modo tempestivo e sarà prorogata fino al 30  aprile, perché avevamo definito un periodo di tre settimane. Continueremo a valutare la situazione dell’epidemia in Italia”, ha dichiarato il capo del governo del Capo Verde , Ulisses Correia e Silva, che stava parlando a Praia durante la presentazione di un piano di emergenza nazionale per la prevenzione e il controllo di  Covid -19.

Alla fine di  febbraio , il Primo Ministro ha annunciato il divieto di tutti i voli dall’Italia verso Capo Verde, a causa della diffusione dello scoppio del nuovo  coronavirus , una misura che era prevista per tre settimane.

Il governo italiano ha annunciato la quarantena in tutto il paese, a partire da martedì, come misura per contenere la diffusione dell’epidemia.

Per gli altri Paesi con casi di malattia e dove c’è anche un grande e costante flusso di trasporto e  diretta  a Capo Verde, cioè la Spagna, la Francia e il Portogallo, Ulisses Correia e Silva ha detto che si terrà lo “screening e la stretta vigilanza” negli aeroporti.

Ha anche annunciato che  tutti gli eventi internazionali nel paese, riunendo un alto numero di partecipanti provenienti da paesi segnati dall’epidemia, saranno cancellati entro il 30  giugno .

“Questa è anche una decisione che sarà soggetta a una valutazione periodica della situazione dell’epidemia a livello globale e a livello di alcuni paesi”, ha continuato Ulisses Correia e Silva, per la quale l’opzione migliore che il paese ha è quella di prepararsi per “ogni eventualità “.

È in questo contesto che è stato presentato il piano di emergenza, inteso non solo per la  prevenzione  e l’azione  dei vari agenti, ma anche per la mobilitazione sociale, la cura personale.

“Siamo di fronte ad una grave epidemia, con un impatto sulla salute pubblica e l’economia globale. Dobbiamo quindi fare un approccio molto serio e responsabile, questo appello ai cittadini Capoverdiani  nel paese e nella diaspora”, ha detto Correia e Silva. 

Il piano è stato presentato dal  direttore  nazionale della sanità, Artur Correia, il quale ha affermato che il documento è il culmine di misure che sono state adottate anche prima che l’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) dichiarasse il nuovo  coronavirus  un’emergenza internazionale.

Chiedendo un “impegno da parte di tutti”, la proposta mira a “ispirare” le organizzazioni del paese a preparare i  rispettivi  piani di emergenza e, quindi, aumentare la capacità di risposta nazionale.

Fonte: noticiaominuto