ITALIANI ALL’ESTERO – RIENTRO IN ITALIA – DECRETO PRES. CONSIGLIO:

POSSONO RIENTRARE AL PROPRIO DOMICILIO, ABITAZIONE O RESIDENZA, OLTRE CHE ESIGENZE LAVORATIVE …. MA CON AUTOCERTIFICAZIONE

(2020-03-10)

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (dpcm 9 marzo 2020: http://www.governo.it/it/articolo/firmato-il-dpcm-9-marzo-2020/14276 ) recante misure urgenti per il contrasto e il contenimento del virus Covid-19 dispone che sino al 3 aprile  sia evitato ogni spostamento delle persone fisiche (sia all’interno del territorio nazionale, sia in entrata/uscita), salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Pertanto:

–  i connazionali residenti/domiciliati in Italia (come anche cittadini stranieri), che si trovino all’estero, possono – ove i mezzi di trasporto siano operativi- farvi ingresso per rientrare al proprio domicilio, abitazione o residenza;

– Allo stesso modo, i connazionali residenti/domiciliati all’estero, come anche i cittadini stranieri, inclusi i turisti, che si trovino in Italia, possono –ove i mezzi di trasporto siano operativi- partire per rientrare al proprio domicilio, abitazione o residenza;

– È inoltre consentito l’ingresso o l’uscita per comprovate esigenze lavorative;

– Sono da evitare ingressi per motivi di turismo.

I motivi di lavoro, necessità o salute possono essere autocertificati come previsto dalla normativa vigente. Il modello di autocertificazione e’ disponibile al seguente link:

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/modulo_autodichiarazione_10.3.2020.pdf

Per coloro che stanno pianificando un viaggio da o per l’Italia e verso altri Paesi, il MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI consiglia di consultare il sito dell’Unità di Crisi della Farnesina che contiene informazioni aggiornate sulle ultime misure adottate nei diversi Paesi: http://www.viaggiaresicuri.it/

Per indicazioni in merito all’operatività dei voli da o per l’Italia Lo STESSO MINISTERO DEGLI ESTERI consiglia  di contattare direttamente la linea aerea. (10/03/2020-ITL/ITNET)