107 lavoratori che sono stati messi in quarantena presso l’hotel Riu Palace, sull’isola di Boa Vista, per 16 giorni, a causa del nuovo coronavirus, hanno lasciato l’hotel questo sabato dopo essere stati valutati da un team medico.

L’informazione è stata avanzata in una conferenza stampa dal presidente del Servizio civile nazionale e dei vigili del fuoco (SNPCB), Renaldo Rodrigues, il quale ha spiegato che “tutti coloro che erano nello spazio dell’hotel” erano stati proiettati dal 19 marzo, e che raggiunse il periodo di quarantena stabilito dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Renaldo Rodrigues ha ribadito che questa procedura consisteva in una valutazione medica di tutte le persone all’interno dell’hotel, effettuata da un gruppo di medici e infermieri.

“Resta inteso che non vi è motivo per cui le persone rimangano in quarantena in hotel, considerato che nessuno di loro ha avuto un quadro clinico incerto”, ha affermato il presidente della SNPCB, giustificando la decisione di sospendere la quarantena presso l’hotel Riu Palace.

Il presidente di SNPCB ha spiegato che i lavoratori saranno osservati dalle loro case, per un periodo di 14 giorni, e saranno seguiti telefonicamente da un team sanitario.

Ha inoltre informato che tutte le raccomandazioni mediche sono state fatte ai lavoratori in merito al comportamento che devono avere a casa, come le cure igieniche, l’esposizione ad altre persone, l’alloggio e le persone nella comunità.

Renaldo Rodrigues ha assicurato che, per motivi di sicurezza, i lavoratori hanno firmato un termine di responsabilità in cui “tutti sono impegnati a rispettare rigorosamente le istruzioni che sono state curate dagli operatori sanitari”.

La stessa fonte ha sottolineato che si tratta di indicazioni “importanti” e che in questa fase dovranno essere “rigorosamente” rispettate, a pena di sanzione ai sensi del codice penale, rilevando che “l’intenzione è precisamente di non lasciare che le persone mettano altre persone a rischio “.

Tuttavia, il presidente della SNPCB ha osservato che “ci sono eccezioni tutelate dalla legge”, affermando che “le persone non saranno confinate negli appartamenti e potranno uscire per fare shopping e andare in farmacia, ma prendendo tutte le precauzioni necessarie durante i 14 giorni”.

Nel lavoro di sabato, Renaldo Rodrigues ha affermato che si è trattato di un esercizio “estenuante” da quando il processo è iniziato la mattina, terminato la sera.

Il presidente della SNPCB ha dichiarato che era necessario per loro, infatti, essere sicuri che nessuno sarebbe partito senza essere adeguatamente valutato, dando così fiducia e tranquillità che “chiunque abbia lasciato l’albergo è clinicamente stabile e non presenta rischi per la famiglia e per la società “.

Alla conferenza erano presenti la delegata della Salute di Boa Vista, Krizia Delgado e l’epidemiologo Maria de Lourdes Monteiro, che fa parte del team che si trova sull’isola per valutare il rischio e supportare l’implementazione delle misure di contenimento di COVID-19.

Il 20 marzo, l’hotel Riu Palace è stato messo in quarantena obbligatoria a causa dell’emergere di un sospetto caso di coronavirus sull’isola.

fonte:

Da ISLANDS EXPRESS , INFORPRESS , 5 aprile 2020 10:06