Il turismo potrà affermarsi a Boavista migliorando ulteriormente le condizioni sanitarie dell’isola di Capo Verde

L’intervista rilasciata dal sindaco di Boavista, Josè Luis Santos, al portale expressodasilhas.cv.

L’isola di Boavista ha un enorme potenziale turistico e in pochi anni detronizzerà l’isola di Sal. Tuttavia, se alcune condizioni non verranno create e migliorate nei settori chiave, lo sviluppo turistico dell’isola sarà limitato e condizionato.

Una di queste condizioni, come afferma José Luis Santos in questa intervista, è la costruzione di un ospedale adeguato alle dimensioni dell’isola non solo per ridurre il numero di evacuazioni inter-isole, ma anche per consentire agli operatori di sentirsi più sicuri quando investono. Il problema degli insediamenti informali e delle misure che il municipio in collaborazione con il governo ha intrapreso per la riabilitazione di questi insediamenti è un altro argomento di questa intervista. A poco più di un anno dalla fine del mandato, il sindaco dice che vorrebbe avere il sostegno del suo partito per la sua rielezione, “ma se non posso contare su questo sostegno, prenderò un’altra candidatura indipendente”, avverte.

Come si svolgono le attività celebrative della Giornata del Comune?

I festeggiamenti del Giorno del Comune e di Santa Isabel si svolgono a partire dai primi giorni di maggio con un vasto programma municipale che va dalla cultura, allo sport, all’urbanistica, ai servizi igienico-sanitari e all’ambiente fino a diverse inaugurazioni. Non si lancia correttamente la prima pietra, ma l’inizio di vari lavori di strutturazione sull’isola di Boa Vista. Ecco perché crediamo che – anzi, questa è l’opinione unanime della popolazione – che le parti siano andate molto bene.

 

La prospettiva è che entro il 2021 Capo Verde potrebbe raggiungere un milione di turisti. Boa Vista è preparato per questo significativo aumento di visitatori?

Boavista non è pronto. Abbiamo lavorato per preparare l’isola a ricevere questo forte aumento del numero di visitatori. Certo, l’isola non è pronta perché ereditiamo una situazione molto difficile perché i vari hotel che sono stati costruiti hanno portato grandi sfide sull’isola – dall’inizio della sfida di alloggi, servizi igienico-sanitari, sanità, istruzione, riqualificazione e formazione formazione professionale dei giovani. Cioè, una serie di sfide per le quali l’isola non era ancora stata preparata. Ma stiamo lavorando in collaborazione con il governo per creare le condizioni per ridurre al minimo gli effetti della crescita del turismo. Volevamo farne alcuni qui. Ad esempio, l’alloggio. Come sappiamo dal negoziato con il governo, sono passati al consiglio comunale circa 394 appartamenti di classe A del programma House for All e in pochi giorni alloggeremo in questi appartamenti lo stesso numero di famiglie nel quartiere di Boa Esperança che vivono in situazioni precarie per demolire immediatamente la caserma. Nello spazio in cui si trovano, divideremo la terra da vendere, dando origine a un alloggio dignitoso. Inoltre, in collaborazione con il governo, l’infrastruttura di un appezzamento di 8,5 ettari per la costruzione di un nuovo insediamento è già in una fase avanzata. La prima fase è già stata completata. Perché era una soluzione salina, consisteva nell’aumentare la quota del terreno di 60 centimetri e ora siamo nella seconda partita già in una fase molto avanzata. Dobbiamo infonderlo con acqua, fognature, energia e strade, in modo che, per la prima volta nella storia di Boa Vista, possiamo offrire infrastrutture complete in modo che i beneficiari possano, dopo la costruzione delle loro case, avere tutte le infrastrutture per non essere come nella situazione attuale: molte persone hanno già costruito, ma non hanno ancora potuto vivere perché non hanno acqua, né fogne, non hanno assolutamente nulla. Ancora su questo tema degli alloggi, devo dire che recentemente il governo e il consiglio comunale hanno firmato un contratto per la costruzione di alloggi, dove, qualche tempo dopo, forniremo circa 300 appartamenti per continuare a dare un contributo molto importante a sradicamento di insediamenti informali a Boa Vista. Ma non è abbastanza. Dobbiamo lavorare insieme al governo per anticipare i problemi e non sempre svolgere il ruolo dei vigili del fuoco. Cioè, per correre dietro all’insediamento dei problemi degli insediamenti informali. Per questo è importante la collaborazione della popolazione, perché senza questa collaborazione è impossibile fermare questo male. Ma stiamo lavorando, fortunatamente con il governo, per lasciare il segno sul governo di Boa Vistaense.

 

turismo capoverde boavista

boavista turismo capoverde

Un anno fa ho letto una storia con questo titolo: “Boa Vista: servire nel lusso, vivere nella spazzatura”. Lo scenario persiste ancora.

Non so chi abbia scritto questo pezzo, ma capisco. Il giornalista voleva dire che ci sono molti capoverdiani, precisamente a Boa Vista, che lavorano in hotel di lusso e alla fine della giornata tornano in caserma.È un dato di fatto Questo è il motivo per cui stiamo lavorando per combattere gli insediamenti informali. Nella domanda precedente che mi hai messo potresti fare riferimento anche alla riqualificazione di circa il 60% del quartiere di Boa Esperança. È un lavoro molto importante, finanziato dal Fondo per il turismo con il contributo del governo e del consiglio comunale. Abbiamo già riqualificato una parte del quartiere con acqua, fognature, energia e strade e oggi chi viene a Boa Vista può vedere una situazione completamente diversa da quella ereditata nel quartiere di Boa Esperança.

Ha detto che i grandi investitori si rifiutano di pagare le tasse e vogliono arricchirsi lasciando il meno possibile sull’isola. Perché il consiglio comunale non attiva i meccanismi legali della sua competenza?

È una situazione molto complicata. Sfortunatamente, da parte di alcuni operatori abbiamo visto qualche resistenza nel pagare le tasse.Abbiamo qui degli hotel che persino resistono al pagamento della tassa per la raccolta dei rifiuti. Comprendiamo che le aziende si impegnano a guadagnare il più possibile, ma vogliamo negli investitori di Boa Vista che collaborano anche a pagare i loro obblighi affinché l’isola possa effettivamente svilupparsi e possiamo lavorare per migliorare il problema dell’accessibilità, migliorare il problema dei servizi igienici, delle strade e che l’isola vince anche con lo sviluppo del turismo.Pertanto, vogliamo che gli operatori vincano, ma vogliamo anche che l’isola vinca con lo sviluppo del turismo. È chiaro che la legislazione capoverdiana crea una serie di incentivi per gli operatori a investire in Capo Verde. Penso che sia una buona idea creare tali incentivi. Ora, la legge non consente agli operatori di escogitare strategie per eludere i loro obblighi, pagando così le tasse. Pertanto, l’ispezione dovrebbe essere sempre più chiusa per impedire a tali strategie di fare scuola a Boa Vista e Capo Verde, danneggiando chiaramente l’isola di Boa Vista e il paese.

Quindi la supervisione sta fallendo.

Certo. In effetti, uno dei maggiori problemi che abbiamo a Capo Verde ha a che fare con la nostra capacità di ispezionare e ispezionare. Cioè, le leggi capoverdiane in molte aree sono molto buone, ma poi non abbiamo la capacità di vigilare sull’osservanza di queste stesse leggi.Pertanto, dobbiamo sempre più creare condizioni migliori per monitorare e monitorare l’attuazione della legislazione capoverdiana, in questo caso per i tour operator.

Qual è stato l’impatto della legge sull’alcool e della legge sui falsi su un’isola turistica come Boa Vista?

Ancora non avvertiamo l’impatto delle due leggi qui a Boa Vista, ma sicuramente avrà un impatto positivo. Non ho alcun dubbio nel fare questa affermazione. L’impatto non è ancora noto, perché la legge è nelle prime fasi della sua applicazione, ma avrà sicuramente un impatto positivo. Infatti, in termini pro capite, Boa Vista è l’isola che consuma più alcol a Capo Verde. Spero che questa legislazione sia efficacemente applicata per ridurre il consumo di alcolici perché un’isola o un paese i cui giovani consumano molto alcolici è un paese o un’isola senza futuro. Quindi ci aspettiamo che questa legislazione contribuisca a una considerevole riduzione del consumo di alcol per il bene dei giovani di Boa Vista.

È stato ripetutamente affermato che Boa Vista ha bisogno di un ospedale. Quando pensi che questa affermazione sarà soddisfatta?

Dico ancora che Boa Vista ha davvero bisogno di un ospedale. Un ospedale delle sue dimensioni, con attrezzature diagnostiche sufficienti per aiutare l’isola a seguire il suo percorso di sviluppo. Come sapete, Boa Vista è l’isola che fa più evacuazioni tra le isole, a Praia ea São Vicente. Inoltre, il turismo può essere stabilito solo a Boa Vista se si creano condizioni migliori nel settore sanitario. Pertanto, rivendichiamo e comprendiamo che il governo dovrebbe fare ogni sforzo non solo per espandere l’attuale Centro sanitario e elevarlo alla categoria ospedaliera, ma anche per fornirgli sufficienti risorse umane e materiali per ridurre considerevolmente evacuazioni e, al contrario, consentire agli operatori di sentirsi sicuri quando fanno il loro investimento. Solo per citare un esempio: ho ricevuto un investitore nordico per un po ‘di tempo, che mi ha detto: “Ho già acquistato molte terre, ho intenzione di costruire un hotel di lusso a Boa Vista, ma lo farò solo quando avrò un ospedale con un minimo di attrezzatura diagnostica e specialisti medici. Nel frattempo, non investirò in Boa Vista perché i nordici in particolare sono molto esigenti e non investono il loro capitale laddove la questione della sicurezza sanitaria non è garantita. Questa è una questione molto importante che il governo dovrebbe lavorare al più presto per superarlo.

Che cosa ha in mente il governo?

So che al momento ci sono lavori di ampliamento del Centro sanitario: il governo si è mostrato disponibile a realizzare questo tipo di upgrate nelle infrastrutture dell’isola di Boa Vista, ma al momento non percepisce ancora questa misura. C’è disponibilità ed è per questo che continuiamo a rivendicare migliori condizioni di salute per l’isola di Boa Vista. Come ho detto prima, mi riferisco alle condizioni dell’infrastruttura, ma anche agli strumenti diagnostici e alle risorse umane qualificate, in modo che quest’isola non si senta limitata nel suo percorso di sviluppo. C’è un alto potenziale di sviluppo turistico sull’isola di Boa Vista, ma se queste condizioni non vengono create, saremo in qualche modo limitati e condizionati in questo particolare.

Il tuo mandato sta volgendo al termine. In caso di ri-registrazione avrai il supporto di MpD?

Non so se mi affiderò al supporto di MpD. So che mi piacerebbe avere il sostegno della mia festa. Ho avuto una notevole carriera come militante e leader del mio partito e il paese sa perché ho accettato la sfida di una candidatura indipendente. Quindi sono disponibile a parlare con la mia festa perché non ho mai smesso di essere un militante, continuo a pagare religiosamente la mia quota. Sono un democratico e mi piacerebbe molto ricevere questo sostegno dal mio partito. Ma se non posso contare su questo sostegno, assumerò un’altra candidatura indipendente. Ho sempre detto che intendo servire due termini. Sto lavorando per soddisfare questo desiderio e materializzare il mio progetto autarchico. È che il mio progetto autarchico non si concretizza in un unico mandato. Come sapete, il primo mandato è più quello di prendere il polso per l’isola e di dare il polso alla contea. È un mandato di riscaldamento. Ci siamo già scaldati, stiamo già giocando e vorremmo continuare a giocare nel prossimo periodo per concretizzare il nostro progetto autarchico.

Testo originariamente pubblicato nell’edizione stampata di Islands Express n. 918 del 3 luglio 2019.